Home > Diari di Rioneventesimo > Tempi moderni > Fratelli Tutti (ma tutti chi?).

Fratelli Tutti (ma tutti chi?).

venerdì 9 ottobre 2020, di J. Pierluigi Renzi


Ha ragione Papafrancesco a denunciare questa preminenza totale dell’interesse economico, del denaro, sulla vita delle persone. Certo che anche in Vaticano non scherzano! Ma da mò! Non è che hanno aspettato Beccciu e soci, per dire.
Prendi per esempio ATTI DEGLI APOSTOLI (5,11) al tempo delle “collettivizzazioni” nella chiesa cristiana di Gerusalemme: il poro Anania vende un podere, di sua proprietà, trattiene per sé una piccola parte del denaro, d’accordo con la moglie Saffira, e consegna il resto alle casse della comunità. Pietro informato dallo Spirito Santo, gliene chiede conto e lo maledice facendo sì che cada secco all’istante.
Non contento ripete la manfrina con Saffira che arriva poco dopo, ignara del fatto. Anche lei tace della piccola sottrazione e Pietro giocando con lei come il gatto col topo la mette di fronte alla sua menzogna additandole i becchini che hanno appena portato via suo marito e dicendole che stanno per portare via anche lei. Risultato: la pora Saffira schiatta all’istante pure lei. Hai toccato i soldi "nostri"? Devi schiattare. Questo in sostanza il messaggio della primitiva comunità cristiana riunita intorno a Pietro.
Le alate parole di Papafrancesco mi hanno spinto comunque a un severo esame di coscienza che mi ha rivelato, purtroppo, quanto io fossi lontano dal condividere lo spirito della “Fratelli Tutti”. Mi sono chiesto, per esempio, fino a che punto io fossi pronto a mettere la vita delle persone al di sopra dell’interesse economico, del denaro.
Supponiamo che un angelo inviato dallo Spirito Santo venisse a me, mi sono detto, e che mi ponesse di fronte a una scelta. – preferisci incassare un grattaevinci da 20 euro o preferisci avere il potere di impedire che Trump sia colpito in questo istante da un fulmine (o risucchiato da un piccolo tornado)?-
Ho dovuto ammettere che avrei preferito incassare i 20 euro, anzi, tra me e me sono arrivato anche a pensare che se si fosse trattato –che so?- di Sgarbi avrei accettato anche 5 Euro. A tal punto io sono un peccatore, intrinsecamente cainita e incarognito nel peccato.

2007-2020 Rione Ventesimo, rivista di Roma Testaccio
SPIP | Chi siamo | scrivi a Rioneventesimo | Facebook | | Mappa del sito | Monitorare l’attività del sito RSS 2.0