Home > Diari di Rioneventesimo > Tempi moderni > La "salva Sallusti"

La "salva Sallusti"

sabato 1 dicembre 2012, di Luno



Certo se si fosse aperta una faglia, con lava fusa affiorante, da sotto la sede del Giornale fino ad Arcore e si fosse vista la Santanchè tentare di salvare Sallusti e poi precipitare nell’abisso infuocato con lui e Capezzone Gasparri Cicchitto e Feltri avvinghiati al Cavaliere nello scenario della resa dei conti apocalittica la cosa sarebbe stata più di mio gusto. Sembra però che in Italia quando si scatenano eventi catastrofici ad andarci di mezzo siano sempre i soliti (come quando cadde un fulmine su Arcore e uccise una bambina turca). Tromba d’aria, tornado, tifone sull’Ilva e muore un operaio su una gru, mentre lavora. Fino alla fine del mondo. Letteralmente. Battiamoci per catastrofi più mirate!

2007-2020 Rione Ventesimo, rivista di Roma Testaccio
SPIP | Chi siamo | scrivi a Rioneventesimo | Facebook | | Mappa del sito | Monitorare l’attività del sito RSS 2.0