Home > Diari di Rioneventesimo > Tempi moderni > Lupo e volpino

Lupo e volpino

venerdì 4 luglio 2014


Questa mia amica voleva un cane e alla fine si è fatta regalare una specie di mini volpino nevrastenico dal marito. Così l’ho conosciuto anch’io: veramente odioso. Lei lo chiama Gigi, in riferimento a Buffon credo, ma io invece l’ho subito chiamato Telemaco — ...Telemaco qua Telemaco là —. Gli animali nei miei confronti hanno uno strano atteggiamento, un misto di curiosità e diffidenza con venature di paura improvvisa e immotivata; comunque per me è facile addestrarli, non so perché. Insomma, per farla breve usando un biscotto intagliato a forma di Odisseo e toni di voce strani e inusitati sono riuscito ad insegnargli alcuni semplici giochetti: se gli dico ad esempio "crescita" lui si alza sulle sue zampine posteriori di merda e riesce a fare alcuni passetti, se gli dico "riduzione del debito" comincia a girare in cerchio abbaiando con la sua voce chioccia del cazzo, se invece dico "manovra aggiuntiva" corre subito a nascondersi sotto il divano o qualsiasi altro mobile. Alla fine mi ha stufato e così mi sono avviato per andarmene. Mi ha seguito fino all’ascensore perché avevo in mano il biscotto ma io l’ho buttato dalla finestra delle scale: — è per il pastore tedesco in giardino — gli ho detto mentre mi guardava con la sua testina di cazzo piegata da un lato.

2007-2021 Rione Ventesimo, rivista di Roma Testaccio
SPIP | Chi siamo | scrivi a Rioneventesimo | Facebook | | Mappa del sito | Monitorare l’attività del sito RSS 2.0