Home > Diari di Rioneventesimo > Tempi moderni > F24 è come un sogno

F24 è come un sogno

mercoledì 15 luglio 2015


Mentre, come ogni anno di questi tempi, in piedi davanti allo sportello assisto tristemente al defluire di migliaia di euro dal mio conto corrente verso le casse dello statocanaglia chiamato Italia e di conseguenza verso le grinfie della banda di luridi pagliacci che lo governano (e lo hanno governato) registro, involontariamente, il mio stream of consciousness: il faccione della Merkel mi sussurra all’orecchio che in Germania l’assegno pensionistico non è tassato e che per tutta la loro carriera gli insegnanti hanno preso il triplo dello stipendio da me percepito... la rivelazione ha su di me l’effetto dell’assunzione di quattordici boccioli di peyote infarinati nella cocaina. Angela mi appare come la madonna di Merdjugorje triumphans... ad un suo cenno un bulldog con la testa di Bergoglio accorre con in bocca un fallo artificiale a forma di crocifisso falcemartellato che Lei brandisce avventandosi contro Berlusconi che cerca di ripararsi dietro Renzi... ma ecco che la scena cambia: siamo io e Varoufakis armati di machine gun Uzi di fronte ad una sede dell’Agenzia Delle Entrate con la sbirraglia fiscale nelle vesti dei componenti della banda della Santa Muerte (vedi la sparatoria capolavoro nel quarto episodio di True Detective seconda stagione)... tra il grandinare dei proiettili chiedo a Varoufakis : "...e così il piano B era emettere degli Assegnati e riprendere il controllo di una Banca Nazionale che però non può stampare moneta ? ...ma che cazzo hai in testa ?" ...e lui: "...non pensare a questo adesso... l’ho detto solo per rimorchiare... pensa a sparare...ammazziamoli tutti!"...e io: "...si ammazziamoli tutti...!"
La cassiera mi sorride tristemente : "La sua ricevuta signore. A presto."

2007-2020 Rione Ventesimo, rivista di Roma Testaccio
SPIP | Chi siamo | scrivi a Rioneventesimo | Facebook | | Mappa del sito | Monitorare l’attività del sito RSS 2.0