Home > Diari di Rioneventesimo > Tempi moderni > Family Way

Family Way

domenica 31 gennaio 2016


In Francia intorno all’anno 1670 una delle principali funzioni della famiglia, cioè la trasmissione dei beni ereditari, fu fortemente influenzata dalle invenzioni e dalle scoperte di Exili e del capitano Godin de Sainte Croix e cioè da veleni potentissimi “insapori e inodori”.
“Veleni talmente potenti quelli preparati da Godin de Sainte-Croix e talmente impalpabili “ che se durante la preparazione la polvere (…poudre de succession, la chiamavano i parigini!) rimaneva scoperta, bastava trarre un solo respiro per morire all’istante. Durante le manipolazioni Sainte-Croix si proteggeva il viso con una maschera di vetro sottile; questa un giorno gli cadde, egli aspirò un po’ di pulviscolo del veleno che stava travasando in una fiala e cadde fulminato”. Ciò non impedì ai parigini dei più diversi ceti di ricorrere largamente alle sue “arti maledette”.
E. T. A. Hoffmann nel suo racconto M.lle de Scudéry ci offre una vivida descrizione dell’atmosfera che si respirava in molte famiglie dell’epoca in cui “la natura” tardava a conformarsi alle aspettative sociali:

“Come un astuto fantasma invisibile, inafferrabile, la morte si insinuava nelle cerchie più intime di parentela, e di amore e di amicizia, e ghermiva rapida e sicura la vittima designata. Individui oggi fiorenti di salute si trascinavano a stento, domani, malconci,malati, e non c’era arte medica capace di salvarli. Una vistosa ricchezza, una carica remunerativa, una bella moglie - forse un po’ troppo giovane - bastava a scatenare la persecuzione e la morte. La diffidenza più spietata distruggeva i legami più santi…Lo sposo temeva della sposa, il padre del figlio, la sorella del fratello. Le pietanze rimanevano intatte sullle mense, il vino nei bicchieri quando un amico invitava a pranzo un amico; e dove prima regnavano allegria e buonumore, sguardi induriti spiavano l’assassino mascherato. Si vedevano padri di famiglia spauriti andare a comprare cibi in quartieri lontani e cucinarseli da soli in qualche lurida bettola, temendo la diabolica insidia delle provviste di casa. E non sempre le precauzioni più scrupolose erano sufficienti.”

Un ultimo sguardo alla famiglia riunita, illuminata da una luce abbagliante, prima di cadere stecchiti dal potere venefico sovrumano della “polvere sottile”.

2007-2020 Rione Ventesimo, rivista di Roma Testaccio
SPIP | Chi siamo | scrivi a Rioneventesimo | Facebook | | Mappa del sito | Monitorare l’attività del sito RSS 2.0