Home > Rione Ventesimo in rete > Rione Testaccio > Vivibilità del Rione > Come vivere isolati e coltivare l’insicurezza

Condomini

Come vivere isolati e coltivare l’insicurezza

La giunta Alemanno non rinnova l’evento annuale "Vicini Vicini" promosso in anni recenti dal Comune di Roma

mercoledì 20 maggio 2009


A partire dal 2005 la Giunta di centrosinistra promosse l’annuale Festa dei vicini di casa; l’iniziativa è proseguita fino al 2007. Molti ricorderanno: il Comune promuoveva una giornata di incontri tra condomini, sollecitando l’organizzazione autonoma di incontri nel cortile o altri eventi collettivi.

Il senso di questa festa era passare un po’ di tempo insieme e conoscersi meglio: un aperitivo, un pranzo o un party con musica e giochi per grandi e bambini, l’unico ingrediente necessario era la voglia di rompere l’isolamento e l’indifferenza che spesso ci dividono anche dalle persone più “prossime”.

Cecilia D’Elia. ex Assessore alle Politiche per la Comunicazione, Semplificazione e Pari Opportunità nella Giunta Veltroni:

“Vicinivicini”, così abbiamo voluto chiamare la nostra festa, è un invito a fermarci un attimo e a rivolgerci a chi ci vive accanto, a fare in modo che la casuale convivenza condominiale possa diventare un’occasione di amicizia, di solidarietà e di divertimento.
Proprio oggi che le tecnologie ci consentono di varcare facilmente le barriere e i confini che un tempo limitavano la comunicazione tra le persone, oggi che il mondo sembra essere a portata di mano e che ci si conosce via internet, si corre il rischio di non saper più guardare a chi ci è più prossimo.
La convivenza va coltivata e riaffermata ogni giorno. Nella nostra città non abita solo una somma di individui, ognuno intento a perseguire la propria personale esistenza. Nella nostra città vive una trama di relazioni sociali e di amicizia, ed è questo intreccio che ci fa sentire parte di una comunità civile.
Speriamo che questa trama cresca e si faccia sempre più fitta. Proviamo a farlo con le nostre politiche, vogliamo farlo anche con una festa.
Sempre più i nostri vicini vengono da paesi lontani, hanno culture, religioni, usi e abitudini diverse dalle nostra, la festa può rappresentare non solo l’occasione per scoprire cose nuove e diverse, ma anche di verificare cose in comune.
Tanti piccoli rapporti di buon vicinato fanno insomma una comunità, anche e soprattutto in una grande città come la nostra.

La Giunta Alemanno non ha rinnovato l’impegno del Comune. Eppure è utile ricordare che buona parte della percezione di pericolosità della città da parte dei cittadini è causata dal crescente isolamento dei nuclei familiari.
Nel tempo e nella città moderna si è ridotta o annullata quella rete complessa di socialità e solidarietà fondata sulla reciproca frequentazione e conoscenza tra la gente del quartiere che fa sentire meno soli e isolati.

Tra le paure degli italiani, la criminalità si classifica al secondo posto, soprattutto nelle aree urbane: preoccupazione pubblica superata soltanto dalla disoccupazione. E tra i più timorosi figurano le donne, gli anziani, le persone poco informate e senza reti sociali. Sono alcuni risultati emersi dalla ricerca condotta dal Dipartimento “Rismes” (Ricerca Sociale e Metodologia Sociologica “Gianni Statera”) della Facoltà di sociologia dell’Università La Sapienza (...)

Certo l’iniziativa "ViciniVicini" da sola non è sufficente a rompere l’isolamento degli individui nella società moderna; ma ha rappresentato comunque un passo nella direzione opposta, consentendo a molti di capire che la persona che vive nella casa accanto non solo non è un nemico ma è una risorsa importante, di conoscenze, di amicizia, di sicurezza.

In qualche condominio si procede comunque ad organizzare la giornata in autonomia; ma l’impegno del Comune avrebbe rappresentato una spinta assai più vigorosa ed estesa.
Allorà perchè non promuovere ancora questo evento, senza costi e con un discreto ritorno sociale?
Forse il Sindaco Alemanno preferisce i cittadini isolati ed impauriti?

Ad ogni modo noi di RioneVentesimo vi invitiamo ad organizzare nei condomini iniziative nello spirito di "ViciniVicini". Qui sotto potete raccontare in breve la vostra esperienza.

2007-2020 Rione Ventesimo, rivista di Roma Testaccio
SPIP | Chi siamo | scrivi a Rioneventesimo | Facebook | | Mappa del sito | Monitorare l’attività del sito RSS 2.0