Home > Rione Ventesimo in rete > Roma > La Centrale del Latte in pericolo

Aziende romane

La Centrale del Latte in pericolo

Alemanno non sa decidere e i lavoratori rischiano il posto

lunedì 18 aprile 2011, di Gemma Azuni


Le complicate vicende societarie che riguardano la Centrale del Latte
di Roma
stanno mettendo in pericolo il posto di lavoro di centinaia di
dipendenti e di moltissimi lavoratori dell’indotto.

Queste vicende rischiano di far sparire dal territorio romano una
azienda preziosa che, in vario modo, nel corso dei decenni ha però
sempre assicurato ai cittadini di Roma un prodotto di altissima
qualità.

Colpisce che il Sindaco, stia assistendo con colpevole inerzia al
rischio di chiusura delle attività produttive della Centrale del Latte
nel territorio romano.

È assolutamente necessario che l’Assemblea Capitolina dia segnali
inequivocabili sulla necessità di mantenere la produzione del latte nel
territorio romano, e investa il Sindaco e la Giunta del compito di
tentare tutte le strade perché la produzione del latte resti a Roma e i
lavoratori della Centrale, insieme a quelli dell’indotto (ai quali va
tutta la mia solidarietà) non perdano il lavoro.

Come per l’ATAC anche per la Centrale del Latte (sia pure con le
dovute differenze) assistiamo ad un decadimento di risorse preziose e
storicamente legate a Roma.

Una grande città è anche questo, prodotti, servizi, lavoratori di
grande professionalità.

Il fatto che Alemanno sembri non tutelare tutto ciò e anzi appaia
impotente di fonte alla loro crisi getta ulteriori e serissime
preoccupazioni sulla possibilità di una soluzione positiva.

Mi auguro che il Sindaco sappia e voglia smentirmi, andando per prima
cosa fra i lavoratori e incontrando le loro organizzazioni sindacali,
per verificare con loro quale possa essere il ruolo positivo di Roma
Capitale nel difendere la Centrale del Latte.

2007-2020 Rione Ventesimo, rivista di Roma Testaccio
SPIP | Chi siamo | scrivi a Rioneventesimo | Facebook | | Mappa del sito | Monitorare l’attività del sito RSS 2.0