Home > Diari di Rioneventesimo > Tempi moderni > A favore della vita

A favore della vita

giovedì 28 gennaio 2021


In un paese decente basterebbe l’intervista concessa da Salvini a Floris per farlo sparire dalla scena politica per sempre (ma si sa in Italia quelli che dovrebbero sparire per sempre invece rimangono anzi insistono sempre di più nel loro essere presenti).
Il suo modo di elencare, enumerare, contando con le dita, includendo tutti i sinonimi, non si può veramente più vedere né sentire! E poi quel suo sottolineare in continuazione che lui si occupa solo di "cose serie" tipo stare davanti all’Agenzie delle Entrate per "stoppare le cartelle esattoriali in partenza"! Ma con quale potere lui può stoppare le cartelle esattoriali? È una cosa seria mettersi davanti a un palazzo per tentare di stopparle? Neanche Dio potrebbe farlo! Solo il Papa, casomai, e solo per i cazzi suoi, e non ha certo bisogno di andare a mettersi davanti all’Agenzia delle Entrate! Dice di essere a favore della vita e contro la morte e che quindi non va a spacciare pillole abortive alle ragazzine per la strada. Ma chi è che lo fa, invece? È talmente a favore della vita che per l’Italia vede bene il proibizionismo, cioè il finanziamento per legge del crimine organizzato, e per chi non ci sta il "modello S. Patrignano" cioè quel posto dove erano talmente a favore della vita che se solo non sembravi entusiasta come si sarebbero aspettati gli scagnozzi del boss-santone potevi essere pestato per giorni di seguito fino a quando non ti buttavi dalla finestra o direttamente pestato a morte nel mattatoio, chiuso in un bagagliaio, trasportato a centinaia di chilometri e gettato, cadavere, in una discarica. E si rischia di vederselo al governo! Dovrebbe andare ad Haiti a fare il lobbista del modello S. Patrignano!

Come quell’altro Matteo. Si, quello che va a fare il lobbista del machiavellismo presso la famiglia reale saudita che lo paga bene perché , si sa, ce n’ha un gran bisogno visti tutti i parenti e i giornalisti che deve avvelenare o fare a pezzi con la motosega. Quello i sauditi farebbero proprio bene a non lasciarselo scappare, ché li da loro potrebbe fare veramente bene, anche se per trattenerlo dovessero castrarlo e metterlo a guardia di un harem.

2007-2021 Rione Ventesimo, rivista di Roma Testaccio
SPIP | Chi siamo | scrivi a Rioneventesimo | Facebook | | Mappa del sito | Monitorare l’attività del sito RSS 2.0