Home > Rione Ventesimo in rete > Rione Testaccio > La finestra sul rione > Un’allegro condominio

Un’allegro condominio

lunedì 28 aprile 2008, di Ombretta


Vi voglio raccontare che cosa facciamo al nostro condominio di Lungotevere Testaccio 30. Voi direte ”arieccoli sembra che a Testaccio ce abitino solo loro”. No, non è così siamo tanti ma noi forse abbiamo la possibilità e la fortuna di raccontarvelo. Raccontateci anche voi qualche cosa di carino. Ci piacerà leggervi.
Dunque è da circa venticinque anni che noi organizziamo delle feste insieme. Avevamo il locale che conteneva i cassoni dell’acqua; con l’allaccio dell’acqua diretta il locale si è liberato ed oltre ad usarlo per le noiose assemblee condominiali lo usiamo per stare insieme in allegria. Siamo venti famiglie che vanno, caso strano, meravigliosamente d’accordo e perciò organizziamo delle feste alle quali qualche volta partecipa anche qualche “infiltrato”.
Facciamo le feste di carnevale ed ogni altra occasione è buona per stare insieme. Mi ricordo una volta facemmo una festa che durò per tre sere, perché con gli avanzi del giorno precedente e un “rinforzino” siamo stati più che bene.
Un’altra volta la signora Assunta sbucciò venti Kg di patate; facemmo allora un abbacchio intero e salcicce a volontà. Ovviamente, all’occasione, alla cottura partecipano un pò tutte le famiglie.
Questo capita d’inverno. Poi arriva l’estate e che si fa? Si cena all’aperto, in terrazza, quella con le fragoline, il limone, il cedro, il rosmarino, la menta romana, la salvia e la buganvillea.
Sapeste come è bello lassù sotto le stelle in compagnia della luna e soprattutto vicino a casa. D’estate siamo un po’ meno, perché i più fortunati vanno in vacanza; chi resta si accontenta e credetemi è una goduria. Nel mese di Giugno vediamo i fuochi artificiali di San Paolo e via via durante le serate avvenire, vediamo altri fuochi artificiali ora a Est ora a Ovest, è tutto un brilluccichio. Facciamo finta di essere sul Garden Roof più chic del mondo. _ Fra una chiacchiera e l’altra arrivano le 23 e belli stanchi e rinfrescati scendiamo a casa zitti zitti sperando di trovare una visita gradita, il Ponentino. Fatelo anche voi, provateci. Vi divertirete.

2007-2021 Rione Ventesimo, rivista di Roma Testaccio
SPIP | Chi siamo | scrivi a Rioneventesimo | Facebook | | Mappa del sito | Monitorare l’attività del sito RSS 2.0