Home > Rione Ventesimo in rete > Le libertà di una vita negata

Uguaglianza e diritti

Le libertà di una vita negata

lunedì 22 ottobre 2012, di Antonio Mariano Teodorici


Domandarsi il perché l’entusismo muova le viscere quando vedi intorno a te tantissime persone che, nella loro diversità e nel loro mostrare l’amore, si divertono e sanno stare assieme, non ha importanza.

Quando per una serata cerchi di essere qualcosa che non sei, qualcuno che vorresti essere, quando hai quel brio che ti aiuta a superare stupide convinzioni, vuol dire che hai fatto un passo avanti.

Ti sei reso conto che intorno a te hai tanta gente che come unico gesto deve avere uno “chapeau” per la grande capacità di affermare i propri ideali ed i propri valori, che sono poi gli stessi che hai tu e di cui ti sei sempre vantato.

Quando ti rendi conto che chi hai intorno è come te, è uguale a te, ha le tue stesse abilità e le tue stesse qualità;e poi quando pensi con la tua oculata lungimiranza che è un qualcosa in più, allora devi stare solo fermo ed in silenzio per guardarti intorno e cercare solo di capire.

Quando osservi intorno a te un ragazzo che bacia un altro ragazzo non è qualcosa di disgustoso, ma un modo diverso di amare; quando ti capaciti che questo modo di voler bene può essere più puro di un ipocrita rapporto etero, vuol dire che hai già fatto un altro passo avanti, perché hai preso finalmente coscienza che la finta educazione cattolica inflittati ha avuto la peggio.

2007-2020 Rione Ventesimo, rivista di Roma Testaccio
SPIP | Chi siamo | scrivi a Rioneventesimo | Facebook | | Mappa del sito | Monitorare l’attività del sito RSS 2.0