Home > Rione Ventesimo in rete > Rione Testaccio > Vivibilità del Rione > I have a dream (ho fatto un sogno)

nettezza

I have a dream (ho fatto un sogno)

La raccolta differenziata è decisiva per la qualità della vita e dell’ambiente a cui tutti aspiriamo. E parte da noi.

sabato 27 ottobre 2007, di Gabriella Casalini


Mi sono svegliata, è Domenica, pigramente mi alzo dal letto e decido di uscire per fare colazione e comprare i giornali. Esco dal portone e mi rendo conto che c’è qualcosa che non va oppure che finalmente va.
La mia strada è stata appena pulita e lavata e mentre incredula mi dirigo verso il bar ed attraverso la piazza ed incrocio le altre strade mi rendo conto del miracolo.
Il mio rione risplende, non vedo neppure un pezzetto di carta in terra né escrementi di cane e neppure rifiuti abbandonati vicino ai cassonetti che, tra l’altro sono stati anche loro disinfettati e lavati.
Finalmente il mio sogno si avvera. Il mio rione, la mia città sono alla pari con le altre città europee.
Questa estate ho visitato Madrid e vi assicuro che vederla così ordinata e pulita ha scatenato in me rabbia ed invidia.
Ma ora l’AMA, la nostra azienda pubblica che si occupa della nettezza urbana, si rivela improvvisamente efficiente ed all’altezza di una città come Roma, la nostra città bella ed eterna.
Squilla il telefono, apro gli occhi. Stavo sognando, un sogno bellissimo e vorrei sapere chi si è permesso di riportarmi alle realtà.
La realtà è che Roma e il mio rione, Testaccio, lasciano a desiderare per quanto riguarda il decoro urbano e la qualità della vita non può che risentirne negativamente.
Dove inizia l’inefficienza del servizio e dove finisce la nostra maleducazione ed inciviltà?
E’ nella risposta possiamo trovare la soluzione al problema.
L’AMA è una grande azienda ma probabilmente ha poche risorse, sia economiche che umane, e Roma è sicuramente una città complicata. Occorre rendere questa Azienda più efficiente, motivare chi vi lavora ed intervenire in modo drastico sulle carenze a qualsiasi livello.
Poi, ci siamo noi cittadini. Dalla nostra abbiamo, forse, una sola scusante e cioè che una strada sporca, un ambiente degradato non ispirano comportamenti civili.
Le nostre responsabilità però ci sono tutte. Dovremmo avere cura della nostra città e dei suoi luoghi (strade, piazze, giardini ecc.) allo stesso modo di come lo abbiamo per le nostre case.
Sono nostri i soldi che l’Amministrazione usa per i servizi necessari. Sono le tasse che come cittadini onesti ogni anno paghiamo.
Pertanto, prima di buttare qualsiasi cosa in terra, non rispettare le regole inerenti la raccolta dei rifiuti, abbandonare oggetti di qualsiasi tipo fuori dai cassonetti e non raccogliere gli escrementi dei nostra cani occorre riflettere non una ma cento volte.
Per esempio, la raccolta differenziata è decisiva per la qualità della vita e dell’ambiente a cui tutti aspiriamo.
Una efficace gestione integrata dei rifiuti si basa in primo luogo, su una corretta differenziazione dei rifiuti stessi. La raccolta differenziata permette, infatti, di avviare i diversi materiali alle filiere di riciclaggio e garantisce un trattamento adeguato ai rifiuti pericolosi per la salute e per l’ambiente.
L’AMA è oggi in grado di gestire in modo differenziato una grande varietà di rifiuti: dal vetro alle batterie usate, dalla plastica alla carta ed ai metalli.
Affinché la raccolta differenziata avvenga in modo efficiente e necessario che al lavoro dell’AMA contribuiamo anche noi singoli cittadini, differenziando i rifiuti e gettandoli negli appositi cassonetti.
Ci sono vantaggi economici ed ambientali attraverso il riciclaggio di alcuni materiali come i giornali vecchi dai quali si può ricavare carta riciclata a costi minori e senza tagliare gli alberi; vetro dalla fusione delle bottiglie vuote oppure concime dagli scarti alimentari.
Poi ci sono i rifiuti inquinanti e che rappresentano un rischio per la salute come le batterie, lampade al neon, televisori ecc. E’ quindi importante trattare questi materiali in modo differenziato e smaltirli in modo corretto.
Insomma, il problema dei rifiuti è il “PROBLEMA” al quale va associato il decoro urbano e la pulizia delle strade.
Nel mentre chiediamo all’AMA interventi maggiori ed efficienti in tal senso, come cittadini possiamo contribuire cambiando i nostri comportamenti e sensibilizzando chi ci sta vicino. Dobbiamo far capire che il nostro rione non è una discarica a cielo aperto, che esistono i Centri di Raccolta dove è possibile depositare gratuitamente i rifiuti ingombranti. A Testaccio siamo fortunati perché il Centro di Raccolta si trova in Via del Campo Boario.
<!—>
Cominciamo da qui, cominciamo da noi.

2007-2020 Rione Ventesimo, rivista di Roma Testaccio
SPIP | Chi siamo | scrivi a Rioneventesimo | Facebook | | Mappa del sito | Monitorare l’attività del sito RSS 2.0