Home > Rione Ventesimo in rete > Roma > Il marciapiede è nuovo, la politica vecchia

Lo spreco delle risorse

Il marciapiede è nuovo, la politica vecchia

lunedì 12 marzo 2012, di J. Pierluigi Renzi


Il Comune di Roma procede nella costruzione del nuovo marciapiede in Viale Aventino. Largo e moderno, sicuramente bello a vedersi.

Peccato che, nonostante la considerevole larghezza, nessuno abbia pensato a realizzare contemporaneamente una pista ciclabile.

Eppure l’Unione Europea è impegnata nel 3° Programma europeo per la sicurezza stradale mentre Roma è soffocata dal traffico e colleziona record di morti e di bambini asmatici mentre sovrasta tutte le altre capitali per numero di veicoli in circolazione.
Incentivare l’uso della bicicletta è uno strumento per affrontare il problema. Anzi sosteniamo che sia tra i principali, in una città dove altre soluzioni come le metropolitane o i parcheggi sotterranei risultano particolarmente complicate, vuoi per la scarsità delle risorse che per le difficoltà legate alla natura del terreno.

Sicuramente qualcuno potrebbe sostenere le solite comode tesi. Per esempio che le ciclabili devono essere progettate e costruite all’interno di un grande piano della circolazione. Appunto tesi utili a coprire l’assenza di una visione dello sviluppo per il benessere dei cittadini.
Al Comune di Roma, gestione Alemanno, proprio non riescono a guardare al futuro della città e nemmeno alla qualità della vita per la popolazione. Quello che più interessa lorsignori è spendere e costruire a prescindere. Il futuro malato è tutto per noi.

2007-2020 Rione Ventesimo, rivista di Roma Testaccio
SPIP | Chi siamo | scrivi a Rioneventesimo | Facebook | | Mappa del sito | Monitorare l’attività del sito RSS 2.0